Il giardino dei cactus

Per gli ordini dei nostri prodotti usate la mail o il modulo contatti, le piante esposte nel sito sono solo una minima parte di quello che realmente abbiamo, per informazioni potete anche telefonare a questo numero: 3299755416

 

Condividi questo post
FaceBook  Twitter  

FAUCARIA

 

Il genere Faucaria è ormai da almeno 300 anni coltivato in Europa, le specie che solitamente si reperiscono più spesso presso i vivaisti sono principalmente tre: F. tuberculosa, F. tigrina, F. boscheana. Tra queste tre ultimamente si vede maggiormente la F. tuberculosa (almeno nella mia zona) meno la F. tigrina, e sembra quasi sparita la F. boscheana.

areale di distribuzione del genere faucaria :

 

areale di distribuzione del genere faucaria

Le Faucaria sono originarie principalmente dell’est della Provincia del Capo in Sud-Africa(vedi mappa), la zona è secondo le mie ricerche a precipitazioni maggiori nel periodo autunnale e primaverile, fioriscono circa da settembre a novembre, hanno fiori gialli a volte più aranciati sul lato inferiori che quando si chiudono alla sera sembrano un po’ rossicci, una specie ha fiore bianco, il suo nome è appunto “candida”, questa specie è un po’ rara in coltivazione, ma molto bella, altra specie che ho visto di recente con fiore bianco è una forma della tigrina.

faucaria paucidens :

faucaria paucidens

 

Il nome del genere deriva dalla forma delle foglie che sembrano delle fauci aperte, i nomi stessi delle varie specie(es. tigrina, lupina) richiamano bestie feroci, a volte è paragonata alla famosa Dionea muscipula (pianta carnivora americana vive tra la Carolina del nord e quella del sud)che con le sue trappole preda gli insetti, ma la Faucaria non ha proprio niente a che vedere con essa, oltretutto i suoi denti non pungono affatto, in alcune specie essi finiscono con l’allungarsi in un sottile filo finale. Faucaria tuberculosa, come dice il nome, è ricca ti tubercoli più o meno prominenti nel lato superiore della foglia, la F. boscheana ha le foglie e i denti bordati di una sottile linea chiara, la F. tigrina ha molte forme diverse ed al sole può assumere colori rossicci ed è spesso puntinata sottilmente, inoltre nelle foglie aperte spesso rimangono i segni dei denti di quando le stesse erano appaiate.

 

faucaria gratiae :

faucaria gratiae

 

Il genere ha subito ultimamente una notevole revisione che molti si aspettavano(a mio parere personale anche troppo drastica), praticamente tutte le specie, circa 33 con 4 varietà, sono state ridotte a 6 specie e 3 sottospecie(vedi tabella a fine articolo), ma molto probabilmente questo serve solo come punto di partenza per ulteriori studi.

 

faucaria candida :

faucaria candida

 

Le piante formano piccoli cespi con rosette di foglie. Le radici sono carnose, con l’età formano dei brevi rami, ho notato che piante molto vecchie possono all’improvviso perdere le radici principali ed il tronco, in questo caso dopo aver tagliato le parti morte possiamo ottenere diverse talee, infatti radicano facilmente da talea. In habitat vivono in aree con molti cespugli e le piante più vigorose belle e colorate sono quelle che si trovano all’ombra di questi cespugli, mentre quelle sotto il sole cocente sono molto striminzite e brutte, questo col loro sole, il nostro è più debole( almeno il mio del nord Italia)e quindi per avere belle piante è necessario fornire loro molto sole.

 

faucaria boscheana :

faucaria boscheana

 

La semina, viene da me effettuata tra la fine di Febbraio e la metà di Marzo, solitamente sono piante che germinano facilmente ed abbondantemente, anche la crescita è abbastanza veloce e si possono ottenere piante da fiore già dopo due anni, per la semina uso lapillo vulcanico anche chiamato pozzolana, di granulometria circa tre mm. ma si può benissimo arrivare ai 5 o 6 mm. Mescolato con pomice della stessa granulometria, i vasetti( vasetti normali tondi di diametro 5 cm. )vengono immersi per i tre quarti in acqua ( preferibilmente piovana)usando dei sottovasi,il tutto viene lasciato scoperto sopra un bancale della serra fredda in piena luce, di norma in quel periodo passa almeno una settimana prima che l’acqua del sottovaso sia completamente evaporata, a quel punto le piantine dovrebbero essere già germogliate, mantengo poi ancora 1 cm. d’acqua nel sottovaso per alcuni giorni o 2, 3 settimane dipende dalle condizioni del tempo e dalla velocità delle plantule di crescere. In questo primo anno comunque le mantengo sempre in vegetazione continua, ombreggiando ed arieggiando nei mesi estivi, dopo il primo anno vanno trattate come adulte cioè in vegetazione durante la primavera e l’autunno(a dire il vero io inizio già da fine agosto o inizi settembre ad innaffiare, cioè fine estate), secondo la mia esperienza si può benissimo rischiare ti continuare a tenerle in vegetazione nel periodo invernale senza grossi problemi anche in condizioni di clima freddo (verso gli zero o i meno un grado), mentre è molto più rischioso il volerle far vegetare nel periodo estivo.

 

faucaria tigrina ( vecchia pianta ) :

faucaria tigrina

In alcuni testi ho letto che consigliano la vegetazione nel periodo estivo ed invernale, trovo la cosa un po’ strana visto la mia esperienza di coltivazione e le ricerche di cui ho accennato prima(il fatto che le precipitazioni più sostanziose siano nei mesi primaverili ed autunnali non vuol dire che ci sia assenza assoluta di piogge in inverno ed estate, ma che esse sono più limitate in quantità e frequenza), la cosa potrebbe derivare dal fatto che, come ho notato in molte specie, siano un po’ approfittatrici, cioè se gli si dà acqua loro iniziano a vegetare, un’altra confusione può essere causata dal luogo dove esse sono coltivate, ci possono così essere dei climi che fanno si che sia bene tenerle in vegetazione estiva, un esempio è il clima montano( o quello nord europeo), con raggi ultravioletti molto forti e clima estivo fresco ed arieggiato, le faucaria possono assumere abiti veramente belli e sfumati(come nel loro habitat), in questi climi è sicuramente consigliabile una vegetazione da metà primavera fino all’autunno(fine settembre), e andrebbero tenute completamente sotto il sole. Ricordiamoci inoltre di lasciare ben asciugare la composta tra un’innaffiata e l’altra, e che la composta stessa sia porosa, povera di torba,o meglio del tutto senza, per altre caratteristiche della composta consultate l’articolo in cui parlo dei terricci.

 

faucaria tigrina ( pianta giovane con foglie più disegnate e colorate ) :

faucaria tigrina

 

Tabella della recente revisione del genere Faucaria

Tratta da un articolo del m.s.g.(mesemb study group)volume 15 numero 2 di Jonathan Y. Clark

Le specie dopo la revisione

Le vecchie specie e sinonimi

F. boscheana

 

F. albidens

F. haagei

F. paucidens

F. kendrewensis

F. peersii

F. felina è divisa in tre sottospecie:

 

ssp. Felina

F. acutipetala

F. candida

F. cradockensis

F. crassisepala

F. duncanii

F. felina

F. felina v. jamesii

F. jamesii

F. kingiae

F. latipetala

F. laxipetala

F. lupina

F. longidens

F. longifolia

F. militaris

F. montana

F. multidens

F. plana

F. ryneveldiae

F. uniondalensis

ssp. britteniae

F. britteniae

F. coronata

F. grandis

F. speciosa

F. smithii

ssp. tuberculosa

F. tuberculosa

F. gratiae

 

F. hooleae

F. nemorosa

 

F. nemorosa

F. subintegra

 

F. subindurata

F. tigrina

 

F. tigrina

faucaria tuberculosa :

faucaria tuberculosa

 

Autore Lorenzo Stocco

©immagini e piante dell'autore